Nell’anno 2007, ABIO Udine ha varato l’avvio del progetto denominato “AbbecedABIO”.

Questo progetto nasce con l’intento di promuovere nelle scuole la divulgazione del messaggio appartenente alla campagna “L’ospedale non è il lupo cattivo – Conoscere per non avere paura”, ideato per ridurre l’impatto emotivo di un eventuale ricovero del bambino e per portare l’ospedale nelle aule scolastiche in forma rassicurante e positiva.

Attraverso la proiezione di una sequenza di immagini realizzate all’interno del reparto di Pediatria dell’Ospedale di Udine, i bimbi interessati possono conoscere gli spazi e le attività svolte in corsia al momento di un eventuale ricovero.

La storia ha come protagonista un piccolo orso e la sua mamma (mascotte di ABIO), che durante una normale giornata al parco giochi, vivono la spiacevole esperienza di un piccolo incidente (caduta dall’altalena).

Da qui l’arrivo dell’ambulanza, il successivo trasporto al pronto soccorso e il conseguente ricovero per accertamenti con la proiezione di tutti gli ambienti e le strumentazioni necessarie allo scopo.

Nell’incontro pensato per i bimbi più piccini, scuole dell’infanzia e primarie, la visione dell’avventura dell’orsetto Abiolino è preceduta da una breve introduzione esplicativa sul significato e valore del volontariato, con linguaggio e tempi adeguati alla capacità di comprensione, ascolto e attenzione dei piccoli fruitori, e seguita da uno spazio dedicato alla narrazione delle esperienze personali o alla risposta di eventuali domande al fine di chiarire dubbi e soddisfare curiosità.

L’incontro dedicato ai ragazzi più grandi si apre con una spiegazione più dettagliata della storia e dell’attività dell’associazione, mettendo in risalto il significato del volontariato inteso come valore sociale e di apertura verso l’altro.

Viene proposto un viaggio all’interno di un ideale reparto in cui si svolgono le diverse pratiche terapiche, evidenziando il fatto che nella quasi totalità dei casi esse sono inodori.

Viene chiarito inoltre, il significato dei termini più complicati e il ruolo dei volontari in reparto. Lo spazio finale è dedicato ai ragazzi per il racconto di esperienze personali e le eventuali domande chiarificatrici. In chiusura dell’incontro si realizza assieme una scultura con i palloncini modellabili.

In occasione di ogni incontro viene distribuita una pubblicazione che illustra in sintesi l’argomento trattato in classe e le informazioni sull’associazione.

Dalla sua nascita ad oggi il progetto “AbbecedABIO” è stato presentato nei seguenti Istituti:

  • Classe seconda scuola secondaria di primo grado- Feletto Umberto
  • Classe quarta scuola primaria – Feletto Umberto.
  • Primarie dell’istituto comprensivo di Tricesimo (Tricesimo – Reana –Treppo)
  • Primarie di Cisterna del Friuli
  • Primaria “Pietro Zorutti” di Udine
  • Primarie di Prato Carnico
  • Scuola dell’infanzia – Tricesimo
  • Scuola dell’infanzia – Tavagnacco
  • Scuola dell’infanzia – Colugna
  • Scuola dell’infanzia di Feletto Umberto
  • Scuola dell’infanzia di Martignacco
  • Scuola dell’infanzia di Azzida
  • Scuola primaria di primo grado di Martignacco
  • Scuola primaria di primo grado “San Domenico” – Udine
  • Scuola primaria Teor
  • Scuola dell’infanzia “Zambelli” – Udine
  • Scuola dell’infanzia “Paulini” – Udine
  • Scuola primaria di Sanguarzo
  • Scuola primaria “Fruch” di Pasian di Prato
  • Scuola Primaria di Coja
  • Scuola dell’infanzia Passons
  • Scuola Primaria Alberti
  • Scuola dell’infanzia Campoformido
  • Scuola Primaria Magnano in Riviera
  • Liceo Scientifico Cervignano
  • Scuola dell’Infanzia Collodi del Vilaggio Primavera